Tutti i miei zaini e le mie tracolle

Prima di iniziare devo specificare che per gli zaini ho una passione particolare.Mi piacciono, e mi piacciono anche molto!
 
Le occasioni per usarle sono sempre poche, specialmente in questo periodo maledetto di Covid, però mi piace comunque averli.Ho molti zaini e tracolle, ognuno acquistato per essere usato un una particolare situazione quindi tutti hanno una loro collocazione di utilizzo.
 
Proviamo a fare una bella Lista, partendo dalle tracolle.
 
 
 
 
PEAK DESIGN EVERYDAY SLING 5L V1:
Iniziamo con il pezzo più piccolo!Questa tracolla  ha uno spazio interno per 5L eppure è davvero molto capiente.é la tracolla che utilizzo maggiormente, essendo cosi piccola mi permette di trasportare la fotocamera con un paio di ottiche, oppure documenti cellulare e chiavi quando lo utilizzo per tutti i giorni, anche per andare a lavoro.
 
L’ho acquistata perché è piccola ed è comoda per portarsi una fotocamera con un ottica fissa montata, magari un’altra di ricambio, documenti e chiavi.
Tutto l’essenziale per una passeggiata  Domenicale.Professionalmente, guardando alla fotografia di matrimonio,  sarebbe secondo me l’ideale come piccola tracolla di supporto da utilizzare per portarsi sempre dietro un ottica di ricambio, delle batterie ed un flash.
Penso ad esempio in un matrimonio mentre si gira per la navata della chiesta alla ricerca di di foto interessanti e non si ha dietro lo zaino con tutta l’attrezzatura, o allo stesso modo durante il ricevimento o ancora durante la preparazione pre-matrimonio.
Insomma si può utilizzare in molte occasioni, specialmente se utilizzate fotocamere piccole ed ottiche fisse.
 
La sua dimensione le permette di essere inserita anche in uno zaino più grande per essere portata in viaggio ed utilizzata in situazioni leggere.
Nel viaggio negli Usa ad esempio, l’ho usata durante la passeggiata a cavallo nella monument valley, giusto per portare fotocamera e poco altro.
A Las Vegas, con 45 gradi di temperatura, ho preferito portare lei in giro per la strip, piuttosto che uno zaino ben più pesante.
 
LA comodità sta anche nel fatto che nei lati della parte interna, ha due piccole tasche elastiche che si possono utilizzare mettendoci delle minuterie che altrimenti sarebbero a spasso per lo zaino.
Attualmente questa versione è fuori produzione, è stata sostituita da una serie di nuovi Sling V2 da 3L e da 6L oltre a quello da 10L.
 
 
 
PEAK DESIGN EVERYDAY SLING 10L:
Questa è la versione più grande. Acquistata usata da un amico, la cerniere asi era subito rotta. Grazie alla garanzia a vita offerta dall’azienda ho ricevuto in poco tempo un esemplare nuovo.
Lo uso come per la versione da 5L, ma lo scelgo quando devo portare qualcosina in pù che non entrerebbe nella versione piu piccola.
Può anche essere usato per delle uscite di uno o due giorni, ma a me non piace portare una tracolla per tutto il giorno.
In quel caso preferisco lo zaino.
Ha dalla sua una maggior capienza, uno scomparto in grado di accogliere un ipad da 11 pollici e probabilmente anche uno da 12 pollici.
Io ho messo il mio MacBook Air 13″  e siamo proprio al limite perché bisogna farlo calzare bene in fondo e nonostante questo gli angoli alti sono un pò in tensione sulla zip.
La tasca anteriore infine è molto interessante perché nonostante sembri poco ingombrante  è possibile allargare le fibbie per poterne aumentare la capienza.
Anche in questo caso è fuori produzione, ma è ancora disponibile su amazon.
Certo valutate eventualmente la nuova versione. La vecchia la trovate qui https://amzn.to/2NumV9g
 
PEAK DESIGN EVERYDAY MESSANGER 13:
La mia primissima borsa Peak Design!Oggi la uso quando mi capita di andare a fare il secondo fotografo in un matrimonio. In questa tracolla inserisco tutto il necessario per poter andare a casa degli sposi.
Porto comunque uno zaino più grande dove però metto solo i carica batterie, qualche powerbank e cose di cui non ho sempre bisigno, specialmente ad inizio giornta.
La zip sulla parte superiore è davvero molto comoda perchè permette di accedere al vano principale in pochi secondi senza dover accedere dall’apertura principale.
 
 
MANFROTTO OFF ROAD 30L:
 
Passiamo ora agli zaini!Ho sicuramente fatto un ottimo acquisto con questo Manfrotto, preso usato su ebay a 55 euro, i prezzi medi dell’usato sono un pò più alti.Questo zaino è specificatamente indirizzato al Trekking di una giornata, al massimo due.
La comodità dello zaino è eccellente, la retina sullo schienale consente di distaccare la schiena dallo zaino, consentendo di far circolare aria e quindi e vitare sudorazioni eccessive in estate; inoltre il peso è scaricato molto bene.
Gli spallacci poi sono comodissimi, imbottiti e larghi.Passando alla parte interna, la sua struttura è molto semplice, forse fin troppo perché qualche taschino in più avrebbe fatto certamente comodo.
Ad ogni modo, la parte inferiore è destinata all’attrezzatura fotografica, si riesce a portare lo stretto indispensabile, una fotocamera con ottica montata ed un’altra(Max due) di fianco.
L’accesso al vano fotocamera è esclusivamente dal lato destro dello zaino.L’accesso principale, quello superiore, consente di infilare molto materiale, specialmente abiti visto che l’interno non è rigido ed è chiuso da un laccio elastico che consente anche di pressare un pò i vestito.
Al suo interno oltre ai vestiti io ho portato anche un iPad e qualche battery bank.
L’ho usato in agosto 2020 quando sono andato alle tre cime di lavaredo, con la notte trascorsa nel rifugio Locatelli. Sono riuscito a portar un pigiama, un cambio, un giubbetto per la notte, un sacco a pelo, filtri treppiedi ed altre minuterie. Davvero molto comodo e molto capiente.
La perfezione sarebbe stata avere qualche taschino in più nello scomparto principale.
 
 
PEAK DESIGN EVERYDAY BACKPACK 20L:
Uno Zaino acquistato qualche mese fa.
In precedenza avevo il 30L venduto quest’ultimo poco fa per differenziare l’utilizzo e prendere il Peak Design Travel Backpack da 45L di cui parlerò qui sotto.
Si tratta di uno zaino fantastico, con il quale inizialmente ho fatto un pò fatica.
Le possibilità di personalizzazione sono molteplici e non riuscivo a trovare una quadra.
Come molto spesso accade per gli zaini, basta utilizzarli in un viaggio per farseli amici, conoscerli ed imparare ad apprezzarli. é stato il caso dell’everyday backpack da 30L, fratello maggiore di questo zaino da 20L che oggi, complice un personale (tentativo di) ritorno all’essenziale negli oggetti da portare in viaggio, è quello rimasto nella mia collezione.
Si tratta comunque di uno zaino davvero comodo, con delle aperture laterali ed un apertura superiore.
Apprezzo molto il fatto che dall’apertura superiore io possa accedere anche al livello inferiore, basta alzare le alette laterali di ogni divisorio per poter arrivare in fondo.Sicuramente è il mio zaino preferito.
Il 30L mi manca un pò anche per via della tasca superiore un pò più grande e comoda, ma al suo posto ho scelto di prendere un Travel Backpack, che devo ancora provare bene e per il quale ho ancora luci/ombre, cosa normale quando non si è mai utilizzato uno zaino.
 
 
PECK DESIGN TRAVEL BACKPACK 45L:
 
Ed eccoci arrivato al “brand new big boy”Mi è arrivato da pochissimo quindi posso solo dare le mie primissime impressioni di utilizzo dentro casa, quindi nessuna vera prova.
Si tratta di uno zaino abbastanza grande, un pò più grande del 30L ma comunque messo in zaino non ho notato grandi differenze quando lo porto sulla schiena.
 
Si è vero, é strutturato in modo un pò diverso perché l’accesso principale è posteriore ed anche se ci sono accessi laterali ed anteriori, quello  principale resta l’accesso posteriore.
Quello  laterale in particolare, non sembra cosi tanto comodo come quello del fratello minore Everyday Backpack.
 
Inoltre questo zaino ha al suo interno un altro zaino, chiamato Camera Cube.
Si tratta della parte in cui mettere l’attrezzatura fotografica. AL momento dell’acquisto si può scegliere tra le versioni Slim, medium e Large.
Io ho preso quella medium, che però è abbastanza ingombrante. è ben fatta, però riempie un bel pò lo zaino, è abbastanza alta e non mi piace il fatto che esca un pò fuori dallo zaino quando è aperto.
Inoltre ha una “dentatura” superiore che talvolta rendere l’accesso all’interno un pò difficile.
Certamente quando poi è chiuso non ci sono problemi.Credo che in futuro prenderò quella slim.
 
Manca anche l’accesso superiore all’attrezzatura, ma ci può anche stare, basta farci l’abitudine.
 
In questo caso devo ancora provarla sul campo quindi sono solo primissime impressioni.
In genere qualsiasi  zaino si inizia ad apprezzare quando lo si utilizza davvero.
 
 
THINK THANK PERCEPTION TABLET:
 
Quando ho visto questo zaino mi sono subito innamorato di lui.
Si tratta di uno zaino davvero minimale, davvero piccolo e quindi permette di portare solo lo stretto indispensabile. Inoltre è uno zaino molto anonimo, quindi è perfetto per andare in giro senza avere un cartellone sulla schiena con scritto: Qui dentro c’è tanta attrezzatura fotografica e tecnologica.
 
Si può portare un iPad pro 12, ma nello zaino si riesce ad infilare anche un Macbook pro 13 pollici touchBar oppure un Macbook Air, purché siano senza cover perché altrimenti non entrerebbero.
 
nello zaino c’è spazio per una Mirrorless ed un paio di lenti,  anche tre volendo. inoltre possono essere messi anche altri oggetti perché l’attrezzatura fotografica viene messa in delle tasche sulla parte interna dello schienale, consentendo di avere tutto il resto dello spazio per altri oggetti.
 
Dunque uno zaino miniale, piccolo, ma che allo stesso tempo consente di portare sufficiente materiale.
Inoltre è molto comodo da portare perché nonostante sia piccolo ha degli spallacci davvero grandi ed imbottiti, sembrerebbero spallacci destinati a zaini ben più grandi.
 
 
 
Questa è la lista degli zaini che attualmente utilizzo a livello fotografico ma ne ho altri solo per trasportare il pc, Inoltre ne ho altri ancora in mio possesso, ma non li utilizzo più perché sono ormai delle reliquie acquistate più di dieci anni fa ed usate in tantissime situazioni.
 
 

You May Also Like

About the Author: Alessandro Censi

Generazione millennail, quella di Pacman, di Sonic; quella del Sega Mega Drive e dei Cavalieri dello Zodiaco. Quella dei primi cellulari gsm. Oggi sono un Nostalgico che però si emoziona per ogni novità Tecnologica, che sia essa uno Smartphone, un prodotto Apple o qualsiasi altra diavoleria digitale. Insieme alla passione per la Fotografia c'è quella dei viaggi, che è sempre forte ed è fonte di emozioni ed esperienze.
Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: