Peak Design Everyday Messanger 13

Da quando ho iniziato ad armeggiare con il mondo della fotografia oramai un decennio fa’, in casa sono passate decine di borse e decine di zaini. Alcuni sono ancora con me, altri non ci sono più.Sono sempre alla ricerca dello zaino perfetto, ma probabilmente lo zaino perfetto non esiste in senso assoluto, esiste invece lo zaino adatto ad una particolare occasione che magari non lo è in un’altra occasione.Ad esempio, Cercavo qualcosa di leggero e comodo da poter utilizzare quando vado a passeggio o nel caso di uscite giornaliere in cui devo portare poche cose ma che fosse anche versatile ed utilizzabile in altre situazioni come ad esempio i matrimoni. Ho scartato subito gli zaini, che vedo più per uscite specifiche o viaggi nei quali devi portare molto materiale e tenere lo zaino in spalla per parecchio tempo.Allo stesso tempo cercavo qualcosa di bello che non facesse pensare subito ad una borsa fotografica, qualcosa con il quale poter passeggiare tranquillamente e non sentirmi fuori luogo nel caso mi fossi trovato a spasso per negozi o dentro un centro commerciale.

Appena ho visto la borsa Peak Design è stato “Quasi” subito amore. Scrivo quel “quasi” perché sono stato parecchio dubbioso per colpa del prezzo davvero importante. Ma la borsa sembrava essere molto bella e versatile, le recensioni in rete sembravano essere tutte molto positive, così ho deciso di spendere questi soldi ed  acquistare il mio primo prodotto Peak Design.Ogni dubbio è svanito quando il pacco è arrivato a casa. Già dall’imballo si capisce che si tratta di una borsa dove la qualità dei materiali e la ricerca del dettaglio è superiore a tutte le altre borse in commercio: una sacca in cartone chiusa con della corta rilegata.Appena aperta la scatola ci si rende davvero conto del perché costi così tanto. Al tatto lascia una sensazione di qualità e resistenza incredibile. è stata realizzata con materiali completamente ignifughi, anche le zip sono ignifughe, il che vuol dire che avremo uno zaino resistente all’acqua in tutte le sue parti, e quindi non sarà necessario doverlo avvolgere in caso di pioggia con quei bruttissimi sacchetti che spesso si trovano in dotazione con altre borse.Scegliere Peak Design significa scegliere un prodotto ed una serie di prodotti di alta qualità che sono “compatibili” tra loro. Alla borsa è possibile agganciare il Peak Design Capture Pro, un utilissimo sostegno che permette a sua volta di agganciare in sicurezza la fotocamera e che merita un approfondimento in un altro articolo.


Ci sono molte recensioni interessanti in rete, comrpesi video in cui viene mostrato cosa può entrarci, per cui in questa recensione voglio soffermarmi sulla mia esperienza di uso, ciò che mi è piaciuto e ciò che mi è piaciuto un pò meno.
Iniziamo da quello che mi è piaciuto.La prima cosa che si nota di questa borsa è la modalità di chiusura principale. La maniglia magnetica và ad agganciarsi in diverse barre sulla parte anteriore della borsa, cosa comodissima sia per evetare tentativi si furto (è davvero difficile aprirla se non lo fai nel modo giusto) sia perchè è possibile regolare la chiusura in base a quanto la borsa è piena. 
Altra cosa interessante è la zip presente sulla parte superiore, grazie alla quale accedere al vano principale senza dover aprire la borsa dalla maniglia, magari per prendere al volo la fotocamera o lo smartphone dall’apposita tasca.


Si perchè sulla parete posteriore del vano principale è presente una tasca davvero ben protetta nella quale inserire uno smartphone, accessibile in tutta comodità anche dalla zip superiore.
Le cose che mi sono piaciute non finiscono certo qui, anzi.Una cosa davvero geniale della borsa è la sua tracolla. grazie alla levetta è possibile regolare la lunghezza della cinghia davvero in modo facile e veloce. Quando  la borsa è bella carica però, ho notato che a lungo andare un pò tende ad allargarsi da sola. Non gravissimo difetto visto che basta di nuovo regolarla al volo ed il guioco è fatto. Per di più capita circa una volta ogni giornata  piena di utilizzo quindi nulla di grave che ne pregiudica l’utilizzo.Sempre parlando dello spallaccio, bisogna dire che la qualità è ottima, portando la borsa semplicemente in spalla , lo spallaccio risulterà un pò scivolos, Peak Design ci spiega però che basta girare lo spallaccio per avere una superficie meno scivolosa e più comoda… ed è vero!
Sui lati della borsa troviamo delle piccole tasche nelle quali riporre piccoli oggetti e sopratutto dove poter agganciare il Capture Clip Pro, che in questa borsa  trova un importantissima compagna.
la tasca anteriore poi, consente di potere mettere davvero molto materiale, anche grazie al fatto che non è rigida e l’apertura è a “soffietto” e quindi può regolarsi in base alla quantità di oggetti che inseriamo. Ci sono diverse tasche, utili per portare, ad esempio, batterie di riserva, caricabatterie, astuccio con le SD, un piccolo flash  e minuterie varie.
Proprio parlando di minuterie, esiste un altra tasca. ed è proprio sotto all’apertura principale. Questa tascha è chiusa da una zip ed è davvero molto comoda perchè consente di mettere piccole cose e mantenerle al sicuro li. Magari le chiavi dell’auto, o il Capture clip oppure anche qualche cavetto. Io di solito ci metto le chiavi dell’auto, il capture clip e la chiave esagonale ad L che serve per avvitare la piastra del capture clip alla fotocamera.


La Peak design è venduta in due dimensioni perchè è studiata per ospitare anche un pc portatile, da 13 pollici nella borsa Messanger13 e 15 pollici nella Messanger15. oltre al pc se vogliamo riusciremo ad inserire anche un piccolo tablet o un blocchetto degli appunti perchè lo spazio posteriore dedicato al pc,  ha un divisorio davvero molto comodo.Il tessuto inoltre non lascia assorbire l’acqua, non fà davvero una piega anche sotto ad una pioggia torrenziale.  Proprio in questi periodi ho avuto modo di testarla sotto la neve gelata del Buran. La borsa era ricoperta di una lastra gelida di neve ma non ha comunque fatto una piega, non è entrata neanche una goccia ed il tessuto si è asciutgato molto velocemente.

In Conclusione, si tratta di una borsa che vale tutto quello che costa, anche se il prezzo è elevato; la soddisfazione anche dopo diverso tempo dall’acquisto rimane altissima e la sensazione è sempre quella di avere un prodotto di qualità e resistente.Se state cercando una borsa per tutti i giorno in cui trasportare fotocamera e 2-3 ottiche aggiuntive (ma anche altro materiale come quello dell’università, basta togliere i divisori) questa borsa potrebbe essere la vostra borsa “definitiva”!

You May Also Like

About the Author: Alessandro Censi

Generazione millennail, quella di Pacman, di Sonic; quella del Sega Mega Drive e dei Cavalieri dello Zodiaco. Quella dei primi cellulari gsm. Oggi sono un Nostalgico che però si emoziona per ogni novità Tecnologica, che sia essa uno Smartphone, un prodotto Apple o qualsiasi altra diavoleria digitale. Insieme alla passione per la Fotografia c'è quella dei viaggi, che è sempre forte ed è fonte di emozioni ed esperienze.
Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: